LE NOSTRE RECENSIONI


Recensione: La Bambina che diceva sempre di sì di Maud Lethielleux



Prezzo: € 17,90
E-book: € 9,99
Pagine: 229
Editore: Frassinelli
Genere: Romanzo

Ninon e Agathe sono sedute in auto con la madre e l'Altro, la loro vita sta per cambiare e la loro famiglia non esiste più... Ma Ninon non ci sta a lasciare il padre da solo, soprattutto ora che sta costruendo una casa tutta per loro! Tanti i problemi da affrontare e Ninon ha solo 9 anni...

Quella de La bambina che diceva sempre di si può sembrare una trama come tante, la solita storia dei genitori che si separano e a pagarne le conseguenze son sempre i figlio, ma in realtà non è così: la storia narrata è vista con gli occhi di una bimba di 9 anni e raccontata con la sua totale ingenuità e con quella purezza tipica dei bimbi!
Tanti i sentimenti suscitati da questo libro, molte le emozioni provate e spesso mi sono trovata a pensare che Ninon fosse odiosa, sciocca e poco intelligente! Ma Ninon in realtà non è così, forse non è una bimba intelligente, ma sa osservare ed è proprio attraverso i suoi occhi, i suoi pensieri e le sue emozioni che il lettore scopre ogni personaggio di questa storia, attraverso i suoi modi infantili tipici della sua età si viene introdotti in una realtà diversa, dura e che sembra lasciare poco spazio alla speranza...
Ninon ha solo 9 anni, non capisce perchè la sua mamma e il suo papà di lasciano, ascolta quello che dice la madre e non riesce a crederle, si accorge che sono parole amare dette con cattiveria e sa che il suo papà non è come viene descritto.. Ninon non ci sta a vivere nella nuova casa con l'Altro e scappa, torna dal suo papà e decide di restare con lui e aiutarlo a costruire la loro casa.
La madre e il padre di Ninon sono due giovani che son divenuti genitori troppo presto, quando ancora avevano tutta la vita davanti: forse sono loro stessi ancora due bambini e non è facile per loro fare gli adulti, i genitori, esser responsabili di due piccole vite... La mamma di Ninon è una donna bellissima, ma anche frivola, ribelle e carica di rancore verso il marito. Il padre di Ninon è un uomo debole, che si lascia a volte dominare dalla rabbia e dalla gelosia, incapace di contrastare davvero il carattere forte della morte al punto di accettare ciò che lei dice di lui, senza smentirla e lasciandosi travolgere dai fatti. Entrambi sono due ribelli, sono giovani figli dei fiori che lottano contro il nucleare e tutto ciò che che è nocivo per la terra e per gli esseri ulani.
La storia è narrata in prima persona da Ninon, con il linguaggio tipico dei bambini: i capitoli sono brevi, vi sono pochi dialoghi e tutto ciò che viene detto viene riportato da Ninon, spesso reinterpretato perchè è come lo percepisce lei. I periodi sono brevi e a volte un pò confusionari proprio perchè sono i pensieri di una biblica di 9 anni, che tra le altre cose si rifiuta di andare a scuola e studiare.
La Lethielleux è stata capace di scrivere un intero libro come se davvero lo avesse scritto un bambino, ha dato voce ad una bimba di 9 anni che a volte fa discorsi da adulti senza capirne davvero il significato... Con questo suo stile "infantile" ha saputo portare il lettore a guardare il mondo degli adulti dalla parte dei bambini, mostrando non solo come vengono interpretati sia i nostri gesti sia le nostre parole, ma anche come tutto appare più semplice e roseo pur essendo in grado di vedere che non sempre le cose vanno come dovrebbero.
Una lettura questa per nulla semplice, a volte un pò pesante sia per i temi trattati sia per come vengono descritti i fatti. A volte si ha l'idea andando avanti con la lettura che non vi sia una vera e propria storia, ma che si stiano leggendo pagine del diario di un bambino che ha messo nero su bianco i suoi pensieri "sconfusionati", ma pagina dopo pagina scopriamo il mondo di Ninon e della sua famiglia: ne vengono svelati i segreti, i problemi e anche le bugie, ma vengono mostrati anche i sentimenti puri e genuini di una figlia per il proprio padre, la capacità di un bimbo di agire come un adulto.
Un libro adatto a coloro che non hanno perso il loro lato fanciullesco e che nello stesso tempo sono maturati e divenuti adulti. Verrete conquistati poco a poco da Ninon, dalla sua forza di volontà, dai suoi modi un pò barbari e da quel suo modo di fare un pò irritante e alla fine l'amerete o la odierete!




valutazione 5

Commenti

Posta un commento