Recensione: La Profezia Segreta di Mozart di Matt Rees



Prezzo: € 8,41 anziché € 9,90
E-book: € 4,99
Pagine: 314
Editore: Newton Compton
Genere: Giallo Storico


Vienna 1791: il più grande compositore di tutti i tempi, Wolfgang Amadeus Mozart, muore a soli 35 anni in circostanze assai sospette... La sorella, con cui il compositore non si parlava da anni, decide di recarsi a Vienna e far luce sulla tragica scomparsa di Mozart! Nannerl conoscerà gli uomini con i quali il fratello condivideva passioni e segreti e le sue indagini finiranno per dar fastidio a qualcuno....


La trama prende spunto da fatti storici realmente accaduti e ciò rende ancor più credibile l'intero libro, naturalmente in una nota dell'autore vengono riportati i fatti reali e viene precisato quali invece sono pura invenzione: nota questa che ho apprezzato molto!
All'inizio l'autore presenta i vari personaggi che il lettore incontrerà pagina dopo pagina e gli fornisce anche una mappa dettagliata di Vienna: ci si ritrova così come un turista in giro per la Vienna del 1791 in cerca dei luoghi frequentati da Mozart e visitati poi dalla sorella!
Fin dalla prima pagina si viene travolti dalla musica del grande compositore austriaco: ogni pagina ne è imperniata, ogni volta che viene citata o suonata una sua opera da uno dei protagonisti il lettore si perde nella descrizione della musica, viene rapito dalle emozioni che attraversano i vari personaggi e con loro rivive il dolore per la morte di uno dei musicisti più grandi di tutti i tempi.
Protagonista di questo libro è senza dubbio Mozart con la sua musica, a cui si affianca la figura della sorella: una donna combattuta che corre a Vienna per cercar di far luce sulla morte improvvisa del fratello, ma che inizierà anche un suo viaggio interiore in cui analizzerà passo dopo passo la sua vita e le sue scelte, capendo piano piano anche lo stesso Mozart..
Intorno alla figura di Nannerl ruotano vari personaggi appartenenti sia all'aristocrazia viennese sia al mondo dello spettacolo e molti di loro appartengono alla stessa Loggia Massonica di Mozart. Ogni personaggio è ben delineato, ha un suo spessore e soprattutto tutti hanno avuto un ruolo fondamentale nella vita di Mozart e lo hanno anche nello svolgersi del racconto.
Fin dalle prime pagine ci si ritrova subito coinvolti nella storia, ci si immerge totalmente nel racconto che viene fatto in prima persona da Nannerl. Tutto viene descritto in maniera minuziosa, nulla è lasciato al caso e il lettore ha la sensazione di trovarsi davanti ogni personaggio, di poter toccarne gli abiti, sentire le note della musica di Mozart ogni volta che viene suonata.. 
Rees ha dato vita ad un giallo storico degno dei grandi gialli classici: non mancano intrighi, sotterfugi, doppie alleanze e spionaggio politico, il tutto "condito" dal romanticismo tipico dell'epoca, dallo sfarzo e anche dalle brutture di un mondo che all'apparenza può sembrare perfetto.
Lo stile è curato, per nulla pesante e mai noioso ed insieme al linguaggio usato rende la lettura piacevole e veloce. 
Un libro questo che non viene letto solo con gli occhi, ma che si può ascoltare, toccare e che trasporta lontano il lettore, lo fa viaggiare nel tempo, facendolo trovare seduto nei salotti viennesi accanto a baroni, principi, ambasciatori...
Il finale infine non è affatto scontato, mai una volta durante tutto il racconto il lettore ha il sospetto di quale sia la verità e di chi è coinvolto: si arriva così alla fine senza sospetti e si resta semplicemente sorpresi dalla piega che prendono gli avvenimenti.
Lasciatevi quindi rapire, immergetevi tra le note del Don Giovanni o de Il Flauto Magico e tenete bene a mente che una volta chiuso il libro vi resterà addosso la nostalgia per quel meraviglioso, unico e grande compositore che fu Wolfgang Amadeus Mozart...




valutazione 5



Commenti

Posta un commento