lunedì 9 giugno 2014

Dimenticati sullo Scaffale [Recensione]: L'isola dell'amore proibito di Tracey Gravis Graves


Prezzo: € 14,90
Pagine: 336
Editore: Garzanti
Genere: Romanzo


Anna accetta di aiutare il diciassettenne T.J. negli studi estivi. Il ragazzo ha vinto la sua personale lotta contro il cancro e deve recuperare le lacune della sua assenza scolastica. La famiglia di T.J. decide di festeggiare con una lunga vacanze alle Maldive e Anna ed il ragazzo li stanno raggiungendo. Atterrati sull'isola di Male prendono un'idrovolante per la meta finale ma il pilota ha un malore causando il naufragio. Anna si risveglia sulla spiaggia e non ci mette molto a capire che lei e T.J. dovranno cavarsela da soli in un isola deserta e nemmeno immagina per quanto tempo...



"L'isola dell'amore proibito è un fenomeno editoriale senza precedenti. Pubblicato in proprio dall'autrice, in pochissime settimane ha venduto più di 200.000 copie solo negli Stati Uniti. Il libro, ora pubblicato da una delle più importanti case editrici americane dopo un'asta milionaria, ha scalato tutte le classifiche. Una storia d'amore unica, intrisa di travolgente romanticismo e intensa come la vita, sullo sfondo del mare incontaminato dell'oceano Indiano"


Il libro è narrato in prima persona alternativamente da Anna e da T.J.  creando un certo coinvolgimento nel lettore . 
I personaggi sono credibili e verosimili nonostante all'inizio sembri la tipica storia di un amore passeggero nella classica isola deserta, mare cristallino e ormoni impazziti. 
Anna è più grande del ragazzo di  parecchi anni e si sente responsabile per lui, avrà difficoltà a capire che T.J. sta crescendo e che è già un giovane uomo maturato in fretta grazie anche alla sua lotta contro il cancro. 
Il ragazzo cerca in tutti i modi di essere positivo e di cavarsela al meglio, ha una passione per Anna ma anche un profondo rispetto per lei. 
Il forzato stare insieme, la lotta quotidiana per la sopravvivenza creerà un'unione profonda aldilà delle convenzioni e delle "regole" della società.
L'autrice riesce a dar vita ad una trama originale e accattivante, nonostante il titolo possa trarre in inganno la storia sboccerà dopo anni e non subito all'improvviso, di proibito c'è ben poco anche perchè i sentimenti descritti sono veri e dolorosi.

A chi ama le storie d'amore non banali, un po' piccanti ma non volgari può tranquillamente aggiungerlo alla propria biblioteca senza pentirsene.




valutazione 5









2 commenti:

  1. Che storia strana!
    Non mi sembra molto interessante come libro.. tu, eva, come ti è sembrato?
    Sei sicura che non me ne pentirei? (sono un pò scettica, ahah)

    RispondiElimina
  2. Lo ero pure io . :-) Mi aspettavo la classica storiella d'amore "rovente" con scene hard per attirare lettrici ma è una storia d'amore decisamente non banale. Stiamo comunque parlando di un genere che piace oppure no. Dipende da cosa cerchi in un libro e da quale genere sei attirata ;-)

    RispondiElimina