venerdì 20 giugno 2014

Recensione: Ti aspettavo di J. Lynn



Prezzo: € 16,40 
E-book: € 9,99
Pagine: 406
Editore: Nord
Genere: Romanzo

Avery si è da poco trasferita nella sua nuova casa vicino all'università e per lei inizia una nuova vita lontano dalla sua famiglia e da tutti coloro che per 5 lunghi anni l'hanno accusata ingiustamente. Il suo primo giorno di lezione Avery incontra il bellissimo Cam: un vero sogno e vuole uscire con lei! Ma Avery nasconde un segreto che le impedisce di lasciarsi andare completamente e fidarsi... Riuscirà Cam a conquistarla? Avery sarà capace di lasciarsi tutto alle spalle e ricominciare davvero da capo?

Devo ammettere che ho deciso di leggere questo libro soprattutto per l'autrice, che ho imparato ad amare con la serie Lux e che con questo libro non ha fatto che confermare la mia passione per lei!
La trama all'inizio può apparire scontata e di sicuro non mancano i soliti cliché dove il ragazzo più bello del campus si scontra con la protagonista e guarda caso abita pure di fronte a lei, ma in realtà in queste pagine si nascondo temi importanti, reali e che spesso fatichiamo ad accettare come la violenza, che in questi libro si presenta al lettore con mille facce diverse!
Avery e Cameron (Cam) sono i protagonisti incontrastati di questa storia, mentre tutti gli altri personaggi nominati fanno da cornice alle loro vicende e in un certo senso spezzano un pò il racconto della storia d'amore.
Entrambi i protagonisti nascondono un segreto, entrambi hanno qualcosa che li corrode dentro e che impedisce loro di lasciarsi andare completamente.
Fin da quando Avery ne parla il lettore capisce quale è il suo segreto, non ne immagina la gravità ma intuisce immediatamente di cosa si tratta, mentre è assai più difficile capire cosa si annidia in Cam...
Avery è uno di quei personaggi che si ama e odia contemporaneamente, che fa venir voglia di prenderla e scrollarla, ma nello stesso tempo ti entra dentro e ti fa nascere il desiderio di proteggerla...
Cam non è semplicemente il ragazzo belloccio dietro il quale sbavano tutte, lui è anche dolce, comprensivo e sempre allegro nonostante tutto...
La coppia Cam - Avery ricorda molto i due protagonisti di Obsidian: si stuzzicano, si scambiano battute taglienti, sono ironici e soprattutto sono contagiosi, fanno venir voglia di ridere e personalmente li ho adorati!
I dialoghi tra i vari personaggi sono sempre molto divertenti e ironici, spesso taglienti e anche se alcuni dei personaggi minori sono poco approfonditi il lettore li prende subito in simpatia!
Avery fa scelte difficili da comprendere per il lettore, ma analizzando la sua storia mi è capitato spesso di chiedermi io cosa avrei fatto e comprenderla diventa più facile. Nonostante tutto l'ho trovato un personaggio molto forte, che inizia un percorso che la porterà ad affrontare i fantasmi e a farlo a testa alta, capirà anche grazie all'aiuto di Cam che lei non è sporca, che non ha colpe e che anche se certe ferite resteranno a vita è lei la vincitrice, perchè ha saputo trovare la forza non solo di rialzarsi ma anche di ribellarsi alla sua famiglia che le ha voltato le spalle.
L'autrice tratta argomenti delicati come la violenza sessuale, la violenza fisica, i conflitti familiari e i problemi classici dei giovani in maniera eccellente, li analizza e riesce a coinvolgere il lettore che fin dall'inizio entra in empatia con Avery.
Pagina dopo pagina imparerete a conoscere i due protagonisti, vi innamorerete sicuramente di Cam oppure lo troverete troppo sdolcinato e a volte anche "finto, ma nonostante tutto vi piaceranno e si faranno amare.
Essendo questo un libro adatto soprattutto ad un pubblico adulto non mancano le scene di sesso e l'autrice non lascia per nulla spazio alla fantasia, tutto viene descritto in maniera molto esplicita: c'è chi non ha apprezzato, forse è vero che se ci fossero state meno descrizioni non sarebbe stato tolto nulla al libro, ma nello stesso tempo credo che mettano ancor più in evidenza il conflitto interiore di Avery e il modo in cui lei riesce piano piano ad affrontare le sue paure e a vincerle.
Ti aspettavo è uno di quei libri che vi terranno attaccati alle pagine, che vi coinvolgeranno e che vi faranno fare tardi la notte per leggere ancora una sola pagina: io mi ripetevo ancora una e poi smetto, ma alla fine ho continuato ad oltranza.
Pagina dopo pagina l'attenzione del lettore resta sempre altissima, non ci si annoia e la narrazione è veloce e sempre molto vivace: il lettore non ha il tempo di farsi domande, perché tutto ciò che si ha voglia di sapere viene svelato quasi subito e i personaggi sono talmente ben delineati che si ha l'impressione si tratti di vecchi amici!
La Armentrout non lascia nulla in sospeso, non vi sono dubbi o domande senza risposta, ma ciò non penalizza minimamente la lettura, che è invece assai piacevole e avvincente e quando poi si arriva alla fine ci si stacca dal libro con difficoltà e fin da subito sale la nostalgia...




valutazione 5

2 commenti:

  1. Quando ho iniziato questa lettura devo ammettere che mi sembrava un pò come se stessi rileggendo "Uno splendido disastro", ma poi mi son dovuta ricredere! Una storia davvero molto bella che ti tiene incollata al libro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me questa saga è piaciuta molto, soprattutto perchè ogni libro inizia e finisce :)
      Uno splendido disastro ce l'ho in ebook e non mi sono ancora decisa a leggerlo!

      Elimina