giovedì 19 febbraio 2015

Recensione: La ragazza nel fiume di Giuliano Fontanella



Prezzo: € 16,00
E-book : € 4,99
Pagine: 272
Editore: I libri di Emil
Genere: Romanzo poliziesco

L' investigatore privato Diego Spada conosce ad un ricevimento l’affascinante Carmen.

Durante la notte, la ragazza riceve una misteriosa telefonata ed è costretta a uscire senza fornire alcuna spiegazione: verrà ritrovata la mattina seguente annegata nel Tevere.
Inizia così la prima movimentata avventura del detective Diego Spada che, in un continuo fluttuare tra passato e presente, farà emergere tutte le circostanze che hanno portato al tragico evento: la separazione dalla moglie Melania, l’allontanamento dalla ben avviata agenzia investigativa, la conoscenza di una donna davvero speciale come Nora, il tentativo di salvare la giovane Miriam da un giro di pessime e pericolose conoscenze, i primi casi come detective indipendente... Non manca la presenza di pericolosi personaggi come Ettore Carrera, boss della mala determinato a ritrovare la figlia rapita, e Chiang Zhong, della mafia cinese, intenzionato a riprendersi a tutti i costi il milione di euro che gli è stato sottratto.

Una storia in stile hard boiled-poliziesco, un romanzo che parla di tradimenti d’amore, professionali, umani.

Ma anche un libro sul desiderio di libertà e indipendenza, sulla possibilità di cambiare vita dando un taglio netto al passato, dedicandosi a quello per cui si è portati senza costrizioni da parte degli altri e della società. La ragazza nel fiume è il primo romanzo di una trilogia, con protagonista l’investigatore privato Diego Spada.

L'ambientazione del libro è in una Roma sonnecchiante e quasi ignara di ciò che succede realmente per le sue strade.
Ci troviamo decisamente in un'ambientazione che ricalca il quotidiano e i personaggi sono decisamente verosimili.

Il protagonista è il detective Diego Spada, un personaggio che può piacere come no.
E' acuto ed intelligente ma allo stesso tempo ha un'irrequietezza sentimentale che lo fa apparire superficiale e poco affidabile. Attorno a lui ruota un intero mondo fatto di donne che lo aiuteranno o lo metteranno nei guai.

Proprio grazie ad una donna, Carmen, infatti cominceranno i suoi guai.... sarà sospettato di essere implicato nella sua morte.

Le protagoniste femminili sono molto ben descritte ed ognuna ha un carattere ben definito.
C'è la moglie tradita, quasi ex, Melania che lo ama ma capisce che con lui non sarà mai felice.
La segretaria sveglia e capace Dalia, che riesce a capire come gestire al meglio l'agenzia.
La giovanissima Clotilde che si innamora di lui e lo perseguita.
E molte altre donne che lasceranno decisamente il segno nella vita del protagonista.

Il libro scorre veloce e lo stile di scrittura è pulito e semplice.
La trama all'inizio sembra poco delineata ma man mano che il lettore scorre le pagine ogni episodio trova la giusta collocazione temporale e tutto ha un senso.
Ho avuto il piacere di essere una delle prime a poter recensire questo libro e come dico spesso io sostengo gli scrittori italiani e se poi son bravi non posso non esserne che orgogliosa.

Lo consiglio a chi vuole un bel libro poliziesco, un po' americaneggiante ma mai forzato.




valutazione 5







Nessun commento:

Posta un commento