Recensione: Capitan Thunder e le cronache segrete della Walkirya di Anguana Nera


Prezzo: € 20,00
Pagine: 390
Editore: Anguana Edizioni
Genere: Fantasy

Le avventure del capitano Thunder e dell’astronave pirata Walkirya alle prese con un intrattabile portale interdimensionale finito nelle mani sbagliate.
Il capitano è il Pirata più nero di tutte le galassie conosciute, inestricabilmente legato alla sua nave e all’Energia Oscura che la alimenta e ora è in difficoltà.
Due problemi gravi e difficili, risolvibili soltanto ricorrendo all’aiuto di un Druido, “esperto” di queste tematiche. Ed è infatti il suo aiuto che la Walkirya, ormai in un vicolo cieco, è costretta ad invocare: ma niente è come sembra, e tutto fluisce dando esiti sempre diversi dalle aspettative e con effetti potenzialmente letali; l’unica certezza è che ogni cosa è collegata…come insegna da sempre la Trama del Wyrd.


In un futuro lontano i viaggi nello spazio e visitare nuovi mondi sono la normalità.
Il protagonista del romanzo è l'oscuro capitano Thunder che tutti adorano e temono, e per i nati negli anni '70 come me, non potrà non ricordare il fantastico e controverso Capitan Harlock cicatrice compresa.
Di lui si sa poco e nulla tranne che la sua salute è compromessa dall'Energia Oscura che alimenta la nave e, anche se lo consuma, lo mantiene in vita .
Ha un carattere chiuso e oserei dire criptico. Non si sa mai quello che pensa.
Il suo migliore amico Toshiro Mifune (probabile omaggio al noto e compianto attore giapponese) è diventato il "computer di bordo " ed anima olografica della nave Walkirya e con la sua memoria, le sue conoscenze informatiche e la sua perseveranza riesce a rintracciare l'unica persona che può aiutare Thunder : un druido.
Il druido si rivelerà essere una donna molto caparbia e battagliera della stirpe delle ormai estinte anguane nere.
Il suo nome è Morgan e con lei ci inoltreremo nel mondo della magia, dei bardi e delle leggende.
L'anguana è descritta nei minimi particolari e si evince che il suo pensiero è in continuo fermento.
Il suo rapporto col capitano si rivelerà difficile e non saranno in sintonia per molto tempo ma nel momento in cui la missione si rivelerà pericolosa e difficile sapranno collaborare.
Un intreccio interessante con riferimenti a mitologia, magia, druidismo, arte bardica ed altro ancora.
La trama del libro scorre veloce anche se a tratti l'autrice si lascia prendere la mano e racconta con fin troppa dovizia di particolari personaggi e situazioni lasciando poco spazio all'immaginazione del lettore.
Da consumatrice compulsiva di fantasy e fantascienza posso dire che è un buon libro, forse un po' acerbo ma essendo il primo di una serie confido nel suo futuro miglioramento.
Bella e azzeccata l'idea che i futuri abitanti dell'universo vedranno cantautori e musicisti come ,Branduardi, Vecchioni, Zucchero,Mannoia ed altri ... ispiratori di ballate e canti capaci di scatenare sentimenti positivi nell'animo umano



valutazione 5




Commenti