venerdì 13 marzo 2015

Dimenticati sullo Scaffale [Recensione]: Siamo ancora tutti vivi di Giulia Blasi


Prezzo: € 16,00
E-book: € 8,99
Pagine: 309
Editore: Mondadori Chrysalide
Genere: Romanzo

Due classi del liceo classico Villa Erminia stanno per esser soppresse a causa dei tagli dovuti alla nuova riforma, ma gli studenti non vogliono lasciare che accada senza provare a far qualcosa per cambiare la situazione. Inizia così una grande avventura estiva per Stella, Erica, Matteo, Greta ed Emilio...

Quando ho iniziato questo libro non mi aspettavo di finire per fare un tuffo nel passato e ritrovarmi di nuovo al classico tra banchi di scuola, interrogazioni di latino, assemblee e occupazioni e ricordare quei giorni è stato davvero piacevole!
Giulia Blasi ha scritto un libro che rispecchia molto la situazione attuale dell'istruzione in Italia, ponendo l'attenzione del lettore su un problema grave me a cui spesso nessuno da importanza: l'istruzione è un diritto, gli studenti non sono numeri e soprattutto la scuola è di tutti e per tutti!
I protagonisti di questo libro sono cinque ragazzi che hanno tra i 14 e i 17 anni, ognuno con i suoi problemi di adolescente e tutti così veri, reali che potrebbero essere qualunque ragazzino che incrociamo sulla metro!
Il bello dei personaggi della Blasi è che, come lei stessa sottolinea tra i ringraziamenti, sono nati dalla sua esperienza in una scuola italiana e rispecchiano a pieno i giovani d'oggi, inoltre l'autrice non li descrive mai fisicamente: ognuno dei cinque ragazzi è ben caratterizzato, ma non hanno un volto, di ognuno viene data una descrizione sommaria, ma viene messa in risalto una caratteristica particolare e unica...
Ad esempio Emilio ha i capelli color carota, ama suonare la chitarra e mette davanti a tutto la sua famiglia, che aiuta nell'agriturismo di loro proprietà. Erica è la classica ragazza bruttina che con la pubertà sboccia e diventa bella, ma ciò che la caratterizza è il grande affetto che prova per il suo patrigno e la costante paura di perderlo.
Stella è la ragazza con gli occhiali, quella che quando apre bocca tutti le danno ascolto, perchè lei è nata per fare il leader, ma è anche una ragazzina triste perchè l'unica cosa che vorrebbe davvero è stare più tempo con il padre, sempre troppo impegnato con il lavoro.
Matteo è il duro, quello con gli occhi di ghiaccio che potrebbe ucciderti con uno sguardo, ma sotto la maschera si nasconde un ragazzo dolcissimo, che porta sulle spalle il peso di un segreto terribile!
Ed infine Greta, la più piccolina del gruppo, piccola di età e di statura, tanto da esser chiamata la smilza! Lei ama suonare la batteria e durante i giorni dell'occupazione scoprirà anche cos'è l'amore...
Siamo ancora tutti vivi è uno spaccato di vita quotidiana, mostra le difficoltà che si hanno nelle scuole italiane, ma ci avvicina di nuovo al mondo dei liceali, quelli che un tempo siamo stati e che abbiamo improvvisamente dimenticato.
Emilio, Erica, Matteo, Stella e Greta nonostante la giovane età decidono in maniera matura di occupare la scuola e di farlo seguendo regole ben precise, dimostrando a tutti che quello che credono veramente in ciò che fanno e che non è una scusa per bere, dormire fuori, fumare o far danni, inoltre rinunciano alle loro vacanze estive per portare avanti l'occupazione.
I 5 protagonisti pagina dopo pagina maturano, crescono, vivono le loro prime delusioni e soffrono: il loro è un percorso di crescita e la Blasi ha saputo con grande maestria raccontare le storie di questi giovani, ha dato voce ai loro pensieri e alle loro emozioni ed ha usato il linguaggio tipico dei giovani senza mai cadere nel volgare.
La storia di questo libro da subito appassiona il lettore, curioso fin dalle prime pagine di conoscere meglio i vari protagonisti, ritrovandosi ancora una volta tra i banchi di scuola e rivivendo i primi batticuori, ridendo dei capelli color carota di Emilio e incapace di trattenere un sorriso per le battute di Matteo.
Un libro semplice, scritto in maniera chiara e lineare, una storia che parla di problemi reali, i cui protagonisti sono tutti acqua e sapone, non hanno ancora scoperto il sesso e sono ancora convinti di poter cambiare il mondo.
Una lettura leggera, veloce, molto piacevole e mai noiosa: ogni capitolo è come un tassello di un grande mosaico e più si va avanti nella lettura più tutto diventa chiaro, reale e si ha l'impressione di conoscere da sempre Emilio, Erica, Stella, Matteo e Greta.
Siamo ancora tutti vivi è un libro per ragazzi, ma è anche uno di quei libri che tutti gli adulti dovrebbero leggere per ricordarsi come erano e cosa erano disposti a fare per ciò in cui credevano.




valutazione 5

Nessun commento:

Posta un commento