LE NOSTRE RECENSIONI


Recensione: Dov'è finita Audrey? di Sophie Kinsella


Prezzo: € 16,00
E-book: 6,99
Pagine: 180
Editore: Mondadori
Genere: Young Adult

Audrey ha 14 anni ed è stata vittima di bullismo da parte di tre compagne di classe: il trauma è stato tale che non riesce più ad uscire di casa ed ha paura del contatto anche solo visivo con altre persone...
Un giorno Linus, un amico del fratello di Audrey, le si avvicina e giorno dopo giorno conquista la sua fiducia e cerca di farla tornare a vivere... Riuscirà l'amore di Linus a guarire le ferite dell'animo di Audrey?


Conosco da anni la Kinsella, ma non ho mai letto nessuno dei suoi libri e inizialmente non avevo intenzione di leggere questo libro, ma poi ho ceduto e così ho scoperto questo piccolo meraviglioso libro che nasconde nelle sue pagine temi delicati e terribilmente attuali.
La storia è raccontata in prima persona da Audrey, come una sorta di diario dei suoi giorni di prigionia volontaria, cullata dal buio e protetta dalle pareti della sua casa: Audrey pagina dopo pagina chiacchiera con il lettore, gli si rivolge apertamente e lo stuzzica alludendo a ciò che le è accaduto mesi prima, ma senza mai raccontare i fatti e così ci si ritrova ad immaginarlo e nello stesso tempo ci si domanda tutto il tempo "ma cosa sarà accaduto? Magari ora lo dice?"
Pagina dopo pagina entriamo a far parte della famiglia di Audrey, assistiamo alla follia crescente della madre, che probabilmente in conflitto con se stessa per ciò che è accaduto alla figlia finisce per diventare opprimente nei confronti del figlio più grande Frank, impedendogli di giocare online e diventando isterica, ossessiva e non rendendosi conto che non sa nulla della vita del figlio e che cerca solo di fargli fare ciò che lei vuole.
Dov'è finita Audrey? viene presentato come un Young Adult, anche se in realtà definirlo tale è riduttivo e inoltre non è affatto una storia d'amore e i suoi protagonisti sono semplici, reali e con problemi seri che vanno al di là delle prime cottarelle adolescenziali e delle delusioni amorose.
Il lettore scopre ogni singolo personaggio attraverso gli occhi di Audrey: non vengono fatte descrizioni fisiche dei personaggi, vengono accennate poche cose come il colore dei capelli, il sorriso, le espressioni, ma ciò che più viene messo in risalto è il carattere e anche le piccole manie.
Audrey è una ragazzina dolcissima, che fa innamorare il lettore e gli fa crescere il desiderio di prenderla tra le braccia e proteggerla e quando nella sua vita entra Linus, di cui si sa solo che ha un sorriso che ricorda uno spicchio d'arancia, ecco che gli occhi di chi legge diventano a cuore: non so dirvi se Linus è bello, muscoloso, con lo sguardo magnetico o altre cose così perchè Audrey non lo dice, perchè a lei piace e basta e il lettore viene sedotto da quei suoi modi gentili e teneri con cui cerca non solo di consquistare Audrey, ma anche di aiutarla a tornare a vivere.
La Kinsella racconta la storia di Audrey e della sua famiglia in maniera semplice, ma mettendo in evidenza il grave problema del bullismo, dei danni che possono fare certi atti che spesso vengono giustificati dicendo "Ma sono ragazzate" e inoltre sposta l'attenzione anche su un tema che ai giorni nostri ancora divide le persone: i vedoegames online! La gente è convinta che giocare online con altri ragazzi/ragazze in giro per il mondo sia alienante, che faccia male o crei dipendenza: la Kinsella ci mostra che non è così, che si può essere ottimi studenti, avere una normale vita sociale e in più avere anche amici senza volto con cui giocare!
Dov'è finita Audrey? è un viaggio nella psiche della protagonista e pagina dopo pagina insieme a lei il lettore risale verso l'alto, la guarda guarire passo dopo passo a volte lentamente a volte troppo in fretta e con lei soffre, spera e attende.
Con questo libro entrerete a far parte della famiglia Turner, vi verrà voglia di urlare in testa a mamma Anne e riderete di papà Cris, che pur di non attirare le ire della moglie le da sempre ragione! Diventerete solidali con Frank e Linus e sentirete il bisogno di mangiare di baci il piccolo Felix di 4 anni... Vi sentirete coinvolti e scoprirete che nonostante i temi trattati questo non è un libro triste, anzi è carico di speranza e ha tanrissime scene esilaranti tra mamma Anne e Frak e un'infinità di battute ironiche che vi faranno sorridere e ancora vi ritroverete ad annuire silenziosamente ad ogni ragionamento di Audrey e della sua psicologa.
Una storia breve, che in 180 pagine racchiude un micromondo e ci mostra come dopo una brutta esperienza si può rinascere e ritrovare la forza e la gioia di guardare di nuovo il mondo con tutti i suoi colori:Audrey per tutto il tempo nasconde i suoi occhi dietro un paio di occhiali scuri e quando il lettore arriva all'ultima pagina si ritrova a sorridere immaginando di guardare Audrey dritta negli occhi e dirle "Ciao tu".
Come ho detto questo nuovo romanzo della Kinsella è per un pubblico piuttosto giovane, ma personalmente lo consiglio un po' a tutti, soprattutto perchè si allontana moltissimo dai soliti clichè che caratterizzano i vari Young Adult.
Per concluedre se siete alla ricerca di un libro veloce, da leggere in poche ore e che non vi dia mai il tempo di annoiarvi allora dovete assolutamente leggere Dov'è finita Audrey?





valutazione 5

Commenti

  1. Ho tutti i suoi libri, sia con pseudonimo che senza. Questo mi manca!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non avevi mai letto nulla di suo e questo l'ho amato!

      Elimina
  2. Adoro la Kinsella...questo non so perchè ma non m'ispira molto..però dopo la tua recensione lo leggerò!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me non hanno mai ispirato i suoi libri, anche se ho visto il film tratto da I love shopping :)

      Elimina
  3. Aspetterò la copertina flessibile per leggerlo :) ho quasi tutti i suoi libri e non posso farlo mancare nella mia libreria :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti anche a me questa da l'idea di libro con copertina flessibile :) adatto da portare con sè ovunque!

      Elimina
  4. Risposte
    1. Io ero scettica, ma alla fine son contenta di averlo letto! L'ho consigliato anche a mia cognata ;p

      Elimina
  5. Bellissima recensione, lo avevo letto qualche tempo fa e devo dire che mi trovo d'accordissimo con quanto hai detto! Audrey è una ragazzina fantastica ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Audrey è meravigliosa davvero :)

      Elimina
  6. Premetto che la Kinsella mi piace a tratti! Nel senso: ho parecchi suoi libri, e alcuni mi son piaciuti tantissimo, altri invece avrei voluto buttarli dal terzo piano! Quindi ora vado molto cauta.. Ma se dici così, allora credo che gli darò un'opportunità :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece come ho scritto mai letto nulla di suo, non mi ha mai stuzzicato abbastanza, ma questo è proprio fuori dagli schemi!

      Elimina
  7. Veramente interessante! Non ho letto nulla della kinsella :) metto in lista :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono convinta che questo sia perfetto per te :)

      Elimina
  8. Ho già letto molti suoi libri e devo ammettere che la adoro! Non ho ancora letto questo libro, ma credo proprio che non mi deluderà!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io mai letto nulla, ma questo mi ha colpita parecchio!

      Elimina
  9. Ciao,
    io l'ho letteralmente divorato in tre giorni e l'ho trovato un libro davvero carino, allegro, ironico e frizzante.
    Ho letteralmente adorato Frank e Linus, ma sinceramente sin dalle prime pagine la madre cominciava a preoccuparmi e la conclusione è una sola: pazza psicopatica ahah.
    Non so tu, ma io ho trovato meravigliosa la metafora (molto concreta in realtà) degli occhiali *-* E dire che io pensavo che i libri della Kinsella fossero scialbi e privi di alcun significato... Come mi sbagliavo! Libri della Kinsella da consigliare?
    Se ti va di leggere cosa ne penso di questo libro ti lascio il link alla mia recensione: Raggywords: Recensione 'Dov'è finita Audrey' .
    Scusa per l'eventuale spam indesiderato,
    _Rainy_

    RispondiElimina

Posta un commento