venerdì 3 luglio 2015

Recensione: Se non fossi tu di Forte Jemma



Prezzo: € 12,90 in offerta a € 10,97 
Pagine: 350
Editore: Harlequin Mondadori
Genere: Romanzo

Dopo un vano tentativo di seduzione nei confronti del marito Max, da cui ultimamente si sente trascurata, Jennifer Wright esce di casa in preda all'agitazione. Deve assolutamente andare dalla sua migliore amica. Indossa solo lingerie e un soprabito, è sconvolta, non presta sufficiente attenzione alla strada e... Viene investita da un'auto. Finisce in coma all'ospedale, e forse era proprio quello che ci voleva per rimettere ordine nei suoi pensieri. Durante il coma, infatti, fa esperienza di come sarebbe stata la sua vita se in passato avesse preso decisioni diverse. Che cosa sarebbe stato di lei se nel 1994 avesse seguito quel gran figo di Aidan in Australia? E se nel 1997 non avesse mollato Tim, genio del computer, che si sarebbe arricchito grazie a una sua invenzione da nerd? E che dire di Steve, il bravo ragazzo, che nella realtà ha lasciato per quello che sarebbe diventato poi suo marito? Tre possibilità fino a quel momento inesplorate che le faranno capire con chiarezza chi è Jennifer Wrigth e che cosa dovrà fare per riconquistare la felicità perduta.

Il romanzo comincia con la scena clou dell'incidente di Jennifer. 

Jennifer è il tipo di personaggio che non sempre risulta simpatico ma sicuramente ci si può identificare in lei, nei suoi mille dubbi e insoddisfazioni .
La sua vita di coppia è un po' logora e monotona, il lavoro non  la soddisfa pienamente e non sa come reagire.
Al momento dell'incidente cercava di riaccendere la passione col marito Max ma qualcosa va per il verso sbagliato e la sconvolge al punto tale di correre per strada di notte senza prestare attenzione a dove va. 
Durante il coma i suoi pensieri vagano e si ritroverà davanti a dei tunnel con i nomi degli ex fidanzati.
Di lì la storia si dirama in più direzioni con ipotesi di vita diverse. 
Se fosse partita con Aidan per l'Australia? Con lui il sesso era strepitoso ma in fondo si conoscevano pochissimo.
E Tim? Un cervellone patito del pc  quasi anaffettivo, con lui aveva trovato la sicurezza economica ma non sentiva le farfalle nello stomaco o il calore della passione...
Steve era un bravo ragazzo , l'adorava e per lei avrebbe fatto di tutto ma sembrava non decidersi mai a fare il passo successivo.
Jennifer potrà percorrere le varie storie e vedere come sarebbe potuta andare.
Un racconto non originalissimo ma non scontato. 
La scrittura risulta scorrevole e coinvolgente, i dialoghi son ben dosati ed i personaggi ben delineati, tutti i dubbi e le domande che la protagonista si pone sembrano essere quasi in ogni testa femminile e almeno una volta, o più volte, ci siamo chiesti come sarebbe andata se... 
Naturalmente non intendo spoilerare il libro ma, dato che non sono particolarmente adatta ai romanzi d'amore, non è per nulla scontato e me lo sono goduto.

valutazione 4                  

3 commenti:

  1. Sembra proprio caruccio :) Un libro leggero e scorrevole senza essere frivolo. E concordo con quello che dici, quante volte ci chiediamo "e se... se... se".

    RispondiElimina
  2. Verissimo! E non sempre è salutare pensare troppo al passato ;-)

    RispondiElimina
  3. Sembra davvero carino :) lo aggiungo alla lista dei libri da comprare :)

    RispondiElimina